Via, avanti un altro

Ma uno che in tutto questo ritenga di dichiarare “la peggiore tragedia di questo millennio”, non dovrebbe essere accompagnato a casa e sostituito da qualcuno che sappia di cosa parla? E i telegiornali che lo ripetono, non dovrebbero essere chiusi e sostituiti dall’intervallo con le pecore?

(Lo tsunami del 2004 fece 286mila morti, il terremoto del Kashmir del 2005 ne fece 86mila, il terremoto del Sichuan ne fece 70mila, 20mila nel Gujarat nel 2001: mi fermo?)

update: mi hanno scritto alcuni interpreti della parole di Bertolaso sostenendo che si riferisse all’Italia. Magari è così, ma in questo caso: uno, si esprima più efficacemente, se uno vuol dire “in Italia” dice “in Italia”; due, l’uso del superlativo e dell’enfatico termine “millennio” rispetto a nove anni della storia di una piccola penisola mi rendono altrettanto sospettoso sulla misura e l’equilibrio di analisi dell’uomo.

2 commenti su “Via, avanti un altro

  1. Pingback: Note stonate « La Casa Dei Giochi

  2. Pingback: Francesco Costa » links for 2009-04-06

Commenti chiusi