Cosa non mi convince

L’analisi di Francesco Costa non fa una grinza. Le sue conclusioni – basate su estese e convincenti argomentazioni – si possono riassumere così: chi vada a votare per dare al proprio paese il governo migliore (o il meno peggio, che... Continua

Leccanzòni

Lunedì sera è cominciato il tour di Jovanotti: non ne scrivo niente, ché fa talmente tante date (dodici solo a Milano) che in capo a qualche mese l’avrà visto mezza popolazione italiana, e ci sono delle cose spettacolari che vale... Continua

Regalami un sorriso

Spezzerò una lancia impopolare, in tempi in cui passiamo ogni giorno a dire signora mia e sono sempre tutti con la faccia dentro questi telefonini, e non guardano dove mettono i piedi, e anche a tavola, e nessuno parla più... Continua

Smorzare

Il dottor Andi Nganso, medico a Cantù, è stato molto ammirato e celebrato per la sua risposta a un paziente che non aveva voluto farsi visitare da lui perché è nero e di origine africana. Ma ancora più memorabili mi... Continua

La meritocrazia, dicevamo

Fatte due premesse. Che su ogni candidato si hanno giudizi soggettivi e parziali, soprattutto quelli nuovi; e di pochi si può dire – senza parlare solo per se stessi – che siano oggettivamente buoni candidati o cattivi candidati (persino Casini,... Continua

Impossibbole

Sulla questione della falsa notizia a proposito della sua candidatura ha scritto estesamente l’interessato, Claudio Cerasa, direttore del Foglio. Due importanti giornali italiani, non importa quali, hanno scritto sulle edizioni andate in stampa il 27 gennaio che il sottoscritto sarebbe... Continua

Due donne

Due donne

Scriverò di due film, senza rivelarne niente che già non si sappia, ma se siete degli SPOILER-nazi state alla larga, siete avvisàti. Ho visto The Post, e al di là di giudizi più estesi, mi hanno colpito dei commenti e... Continua

La risposta è sì

Quando un dibattito è “eterno”, nella maggior parte dei casi è perché è stato sempre affrontato con approcci e letture sciocche e superficiali, altrimenti ci saremmo capiti meglio. È il caso della questione della potenziale influenza negativa di certe opere... Continua

Cosa pubblicare

Cosa pubblicare

Uscendo dal cinema dove c’era stata l’anteprima di The Post, un autorevole collega mi ha detto che lo aveva trovato “un film che dice che il giornalismo serve ancora a qualcosa”. “Che serviva“, mi è venuto da rispondere, considerato che... Continua

The answer, my friend

Pur tra le enormi differenze, le similitudini tra quello che succede in America con Trump e quello che successe in Italia con Berlusconi sono state abbondantemente notate: con l’imbarazzo dovuto a essere stati noi, una volta, paese all’avanguardia. Poco dopo... Continua

Una domenica grigia

Una domenica grigia

I sistemi accettabili per gestire proficuamente il funzionamento di una comunità – che garantiscano sufficiente qualità della vita e della convivenza, e sufficiente giustizia – sono storicamente due: quello di un’oligarchia illuminata e quello della democrazia. Il primo affida le... Continua

L’illusione dello scrittore

L'illusione dello scrittore

Sarebbe interessante una ricerca scientifica che interpelli gli autori di un libro sui risultati della pubblicazione rispetto alle loro aspettative: col tempo mi sono fatto l’idea che sia uno degli impegni che hanno il gap maggiore tra investimento di speranze... Continua

Hits 2017

C’è questa cosa che faccio da 13 anni, per mania statistica e amore per la prevalenza dei fatti sulle opinioni: che non gliene frega niente a nessuno, ma ormai sono prigioniero della tradizione. Le canzoni che ho sentito di più... Continua

Butta la chiave

Certo che Marcello Dell’Utri dovrebbe essere tolto dal carcere. Per una prima essenziale ragione: ed è che la grande maggioranza delle persone dovrebbe essere tolta dal carcere. Il carcere è nella prevalenza dei casi una soluzione pigra, disumana e fallimentare... Continua

Il giorno dopo che morì John Lennon

Il giorno dopo che morì John Lennon

Il giorno che morì John Lennon, in Italia, era il 9 dicembre 1980, non l’8. A New York era sera, quasi le undici, quando quello gli sparò davanti al Dakota, il condominio dove Lennon viveva, e che nei giorni seguenti... Continua

Il buon esempio

Ho ricevuto questa risposta da parte di Renault, a proposito della questione della “brand safety” e delle inserzioni pubblicitarie sui siti di news dedicati a falsificazioni o a messaggi di odio razziale o politico. È un approccio promettente e apprezzabile,... Continua

Solo un altro po’

Solo un altro po'

Il 6 dicembre del 1977, quarant’anni fa oggi, uscì Running on empty di Jackson Browne, cantautore di grande fama mai risolta, a metà tra il non essere abbastanza rock e non essere abbastanza pop. È finita che lui non è... Continua

La vita, lo stile e le mucche

79 pagine è un’ottima lunghezza per un libro da leggere di questi tempi e in queste vite: io, almeno, non finisco un libro da 200 pagine quasi mai (e sta diventando una cosa diffusa, vedo). 79 pagine di Michele Serra... Continua

Gli anni del cannibalismo

Da diversi mesi il dibattito pubblico – giornali, politica, noialtri al bar – si è accorto che in Italia c’è un grosso problema psicologico, oltre che economico, politico, culturale: che anzi rafforza questi ultimi. Ed è quello per cui da... Continua