Ne abbiamo parlato

Lo volevate un leader che stabiliva la linea, e un partito che assumeva delle posizioni chiare? Complimenti a Franceschini per come l’ha messa sul referendum: ma soprattutto per come l’ha messa sul metodo e sui capricci dei capricciosi.

“Abbiamo discusso, abbiamo votato, abbiamo deciso. E da segretario dico che un partito non può sbandare continuamente. Chiti e Rutelli chiedono di ripensare il sostegno al referendum? Capisco tutto, anche lo spirito costruttivo con cui mi rivolgono questo appello, ma la mia riposta è no”. Dario Franceschini parla al telefono dal treno con cui attraversa la Basilicata e la Puglia. “Siamo impegnati in una campagna elettorale d’ascolto. Cerchiamo di entrare in contatto con l’Italia che non si vede in televisione, vogliamo accendere i riflettori sui problemi tenuti nascosti dal governo. Un grande partito riformista può fare il bene del proprio Paese anche stando all’opposizione. Abbiamo il dovere di seguire questa strada, non di riaprire un dibattito che si è già risolto nella direzione, dopo tanti approfondimenti, con più di 100 voti a favore del Sì e 5 contrari”. 

“Che partito sarebbe un partito che cambia idea, ripeto: dopo aver a lungo discusso, solo perché il premier distrattamente ha detto a Varsavia che sosterrà il Sì. La domanda alla quale gli italiani devono rispondere il 21 giugno è la seguente: volete abrogare la legge porcata, quella che sottrae agli elettori il diritto di scegliersi non solo i partiti ma anche le persone da mandare in Parlamento? Togliendo di mezzo la politologia, chi ha contrastato con durezza quella norma non può che rispondere Sì. Poi ci saranno 4 anni, qualunque sia l’esito referendario, per fare una buona legge elettorale”. 

Un commento su “Ne abbiamo parlato

  1. Pingback: Non mi hai convinto, Dario « Champ’s Version

Commenti chiusi