“Arbitro!”

Leggendo dei nuovi allarmi di alcuni giornalisti italiani di giudiziaria politica sui “rischi bavaglio” per la stampa (giornalisti più incentivati e abituati a rapporti complici e accoglienti con le procure piuttosto che a subire qualsivoglia ipotesi di censura), ho realizzato quale sia la più grande attitudine contemporanea del Paese (pensateci, la applichiamo ovunque): la simulazione di fallo.