Il bisogno indotto della perdita di tempo

Giuliano Ferrara scrive della grandissima “perdita di tempo” protagonista delle nostre vite, dedicata a una serie di temi e argomenti dell’attualità irrilevanti. È quella che noi al Post chiamiamo più sbrigativamente – con termine un po’ milanese – “fuffa“. Dice Ferrara.

Vedo le immagini del povero, simpatico e inutile Salvini che si aggira per Mosca con una sciapka e un sorriso sperduto: quante chiacchiere su di lui, quante ipotesi, e che enorme perdita di tempo. Tutti quei sondaggi, quegli interrogativi su abboccamenti segreti, la ricostruzione della destra, la lite con gli zingari, l’eredità della lega di Bossi, il torso nudo, la cravattona verde, padroni a casa nostra, l’abbraccio con Le Pen. Rivado al 2015 come anno greco: quanto tempo abbiamo perso appresso alle ubbie di Varoufakis, alle gradevoli ma inessenziali mondanità e accademie dell’economista scatenato contro il Minotauro globale. Era una banale questione di debito e politica, si è visto che l’ascetismo ha un limite, non sopporta il limite dei sessanta euro quotidiani di contante erogato da banche in stato fallimentare, e ci vuole altro debito per sostenere il debito, e per convincere i creditori bisogna fare i bravi ragazzi, non gli spendaccioni umanitari. Ma era tutto chiaro da subito, poi mesi e mesi di storytelling nel paese che ci aveva dato il mito, la storiografia e altre cose classiche e serissime. Sarà così, ancora così, ancora tempo perso in quantità, anche per Trump, per le Le Pen, per Pablo Iglesias e gli altri? Quanto tempo perdiamo appresso alle esagerazioni di Brunetta, Dibba e altri vocianti e petulanti? Insomma, il tempo ha un suo peso, un suo profilo, una sua stretta necessità; il fatto di dissiparlo a vanvera non può non avere conseguenze.

Ferrara ha completamente ragione: la mediocrità e inutilità dei contenuti della politica ma anche della cronaca di cui siamo indotti a preoccuparci non è solo una questione da imbarazzata e rassegnata alzata di spalle, accompagnata dal commento “che scemenze inutili”, mentre ce ne andiamo da un’altra parte. Non ce ne andiamo da nessuna parte, invece. La fuffa occupa quotidianamente ed estesamente lo spazio e il tempo che potrebbero essere destinati a pensieri e progetti migliori, a più proficue comprensioni delle cose.

Il fatto è che la “perdita di tempo” intorno a temi volatili e insignificanti è un prodotto commerciale come altri, alla cui utilità siamo portati a credere dal sistema dei media soprattutto. Corrisponde come altri a quel vecchio discorso sui “bisogni indotti”, o sui prodotti che compriamo anche se non ci servono perché un sistema culturale e di comunicazione ci convince che ci servano: “notizie” cicliche e ripetute ogni volta uguali, allarmi, storie false e le loro smentite e poi daccapo, uscite dall’euro, tensioni e concitazioni intorno al nulla, scissioni del PD, sono un prodotto, in assenza del quale i media sarebbero costretti a cercare di venderne altri di minore mercato. Perché di queste cose intanto c’è domanda, una domanda ottusa creata appunto artificiosamente grazie al concorso quasi unanime del sistema dell’informazione e dei prodotti editoriali. E stiamo parlando di un’industria estesissima, con grandi volumi economici (e in crisi, quindi in maggior affanno e panico da svendita) e moltissime persone che ci lavorano. Per non parlare del ruolo della “perdita di tempo” nella politica.

Rinunciare quindi alla “perdita di tempo”, come propone Ferrara – o limitarla -, si tratti di Salvini o Brunetta o molte altre cose, è la stessa cosa di non vedere il nuovo Guerre Stellari o non ascoltare il nuovo disco di Adele o non cambiare il telefonino ogni due anni (anzi più difficile, perché la perdita di tempo non richiede che accendere la tv o aprire un giornale). Si può, ma il mondo intorno ti convince di essere un estraneo e ti fa temere di stare perdendo qualcosa di fondamentale: non lo è quasi mai, e si rivela ogni volta nel giro di pochi giorni, rendendo palese quale perdita di tempo sia stata. Ma non facciamo in tempo a rifletterci, perché stiamo già perdendo tempo con qualcos’altro.

Altre cose:

7 commenti su “Il bisogno indotto della perdita di tempo

  1. Valeria

    E tutte le volte che vengono chieste le dimissioni? In media ogni due giorni qualcuno dovrebbe dimettersi, ormai s’è perso il conto. E quando poi sarà vero, riusciremo più a capirlo?

  2. rinko

    Nel settore giornalistico credo che per voler eliminare la “fuffa”, almeno quella che si sa già in principio essere tale, bisognerebbe accettare il fatto che non tutti i giorni ci può essere qualcosa di avvincente, accattivante, pruriginoso e veritiero da affrire a lettori, ascoltatori e spettatori. Però, come anche Sofri argomenta nel post, ciò significherebbe rinunciare alla dimensione d’intrattenimento a fini commerciali che i prodotti d’informazione hanno acquisito in misura sempre maggiore.
    Questo richiederebbe di fare sacrifici materiali e personali per il perseguimento di un principio etico superiore e in fondo credo che nessuno o quasi sia disposto a farli.
    A livello individuale invece vedo decisamente più spazi, la fuffa non bisogna bersela per forza, non ci si deve per forza buttare in tutto quello che viene suggerito per le masse. Il tempo in fondo è la cosa più preziosa che abbiamo e chi se ne frega se per perderne meno se ne deve trascorrere di più in solitudine, magari a fare qualcosa di terribilmente antiquato.

  3. zetavale

    Anche leggere questo articolo scontato di Luca Sofri é una discreta perdita di tempo

  4. saul

    Tutto abbastanza condivisibile, ma lo faceva gia notare Gore Vidal sul suo Lincoln, come i media (i giornali scriveva) pubblichino le notizie in base al pregiudizio dei propri lettori. E peccato che Ferrara sia stato un protagonista interessato nel diffondere la fuffa degli ultimi 25 anni. Forse 30, contando Craxi.

  5. saul

    Zetavale, Luca Sofri fa il suo mestiere. La Sua battuta mi pare gratuita. E fuori luogo, visto che viene trattato un aspetto dell’informazione e formulata un’opinione sulla base di un articolo di un altro giornalista. Se non condivide, argomenti, spieghi; così c’illumina con qualche brillante considerazione.

Commenti chiusi