Creare le condizioni

Quando dico – lo ha riportato anche l’Espresso questa settimana – che penso che se Veltroni domani  mollasse, una nuova leadership del PD non esisterebbe; e definisco impresentabili i nomi di Cuperlo o Zingaretti, non è per mancanza di stima nei confronti dei due: sarei ben contento che ci fossero loro al posto di altri che non dico. Ma penso che non si possano tirar fuori dal cappello dei nomi a cui la gente per strada reagisca dicendo: “chi?”. Di questo stiamo parlando, di creare una seconda fila che sia riconosciuta nel momento in cui potesse diventare prima. A ora nel quadro ci sono solo Veltroni, certe ex prime file pronte per i libri di storia, e le quarte file. Niente in mezzo.

Poi c’è quel dettaglio sul cambiare anche politica e modo di farla: dettaglio per cui non è affidabile nessuno sia stato classe dirigente del centrosinistra finora (per esempio quelli che hanno messo su la giunta regionale abruzzese), Veltroni escluso per quel che ha fatto in quest’anno.

Altre cose: