Silent Poets – To Come

Questo è un cd bellissimo. Fine della recensione.
Oppure. Questo è un cd bellissimo, di cui sono responsabili due musicisti giapponesi che ne avevano già pubblicati altri cinque al paese loro. Uscito un anno fa, in Europa e negli Stati Uniti è circolato faticosamente, poi i francesi – che in queste cose sono bravi – hanno deciso di ripubblicarlo con una bella coonfezione rossa. Per definirlo si sono accatastati i soliti monosillabi – dub, trip-hop, cool, techno-trance, nu-jazz – ma provate voi a pigiare in un monosillabo un’ora di elettronica dolce e languida guarnita di voci femminili di velluto (Virginia Astley tra le altre) e un po’ di rap qua e là. Fatta da due giapponesi, per di più. Se non ci fossero i Masive Attack, bisognerebbe inventare i Silent Poets.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro