Khakistocrazia

Khakistocrazia è un’espressione usata per definire il governo militare di un paese spesso in collusione con un potere economico, con l’intento di averne sostegno e perpetuare il regime. È stato il caso di paesi come la Nigeria, l’Iraq, il Pakistan e la Corea del Nord.
La parola trae probabilmente origine dal greco: il termine kakistocrazia si riferisce a un governo sotto il controllo dei cittadini peggiori o meno adatti di un paese. Un’altra plausibile spiegazione ha a che fare con la parola kaki, il colore associato di solito alle uniformi militari.

Wikipedia italiana non ha una voce sulla kakistocrazia, e quella inglese mescola un paio di significati differenti, con un’acca in più o in meno. Il Wiktionary (la versione dizionario di Wikipedia) però spiega che viene da “kakistòs” che in greco vuol dire “peggiore”. Riprendendo il tema dell’antielitismo, è un po’ inquietante scoprire che un fenomeno che ci si vorrebbe illudere sia passeggero ha già invece una definizione così esatta, e di così solenne etimologia. Kakistocrazia: il governo affidato ai peggiori. Aspettate che la scopra Beppegrillo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: