Rick Redfern

Rick Redfern è un personaggio della striscia a fumetti Doonesbury. Lavora come reporter al Washington Post ed è spesso incaricato di raccontare le vicende della Casa Bianca. Rick è un giornalista molto corretto che prende il suo lavoro seriamente ed è sempre in cerca di una grossa storia. Rick ha incontrato sua moglie Jonie Caucus quando lei collaborava con la candidatura al congresso (fallimentare) di Ginny Slade. Cominciarono a vedersi, e con una scelta ardita e discussa per una striscia degli anni Settanta, vennero disegnati a letto assieme poco tempo dopo. Alla fine si sposarono, ed ebbero un figlio, Jeff.

Le storie di Doonesbury sono forse il caso più straordinario e longevo di feuilletton contemporaneo. Garry B. Trudeau le disegna e scrive da trentotto anni, e ha creato un mondo di personaggi che invecchiano e si rinnovano, a differenza di quelli di altre strisce. E poi ci sono tutte quelle cose sul valore letterario, politico e giornalistico di Doonesbury (si cita sempre questa frase di Henry Kissinger: “C’è solo una cosa peggiore di essere presi in giro su Doonesbury: non essere presi in giro su Doonesbury”): Pulitzer compreso.
Rick Redfern è uno dei personaggi di più lungo corso, e ormai ha la sua età. E questo ha contribuito, due settimane fa, al suo traumatico licenziamento dal giornale, nel mezzo dei tagli e della crisi economica. In cerca di un reinvestimento di sé, e di una via di uscita dal trauma, ha aperto un blog: ma la collisione tra un vecchio giornalista e I suoi codici con quelli di internet e le sue volatilità genera casini imbarazzanti e un meraviglioso ritratto dei nuovi corsi del giornalismo. La più grossa storia politica che Rick sta seguendo da giorni è quella per cui Obama in visita alle truppe americane in Kuwait avrebbe giocato con I soldati a basket e infilato otto tiri da tre punti su dieci. L’altroieri comunque sua nipote lo ha linkato: “il mio primo link!”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: