T-a-b-l-e-t

Mai nessuna “messa cantata” di Apple in questi anni aveva registrato un così grande gap tra l’attesa all’esterno e il silenzio dall’interno. Internet è occupata militarmente da voci, illazioni, previsioni ormai da settimane. La rivelazione avverrà domani alle 19 ora italiana, quando Steve Jobs apparirà sul palco dello Yerba Buena Center for Performing Arts di San Francisco. Fosse spiritoso (ma molto spiritoso) annuncerebbe che sta per diventare nonno, poi un brindisi, e via.
Io, a quell’ora, starò scendendo da un treno. Mi sembrerà un momento come un altro, circondato come sarò da ignari umani in altro affaccendati.
Voialtri, se ci tenete a esserci, avrete dirette web tra cui scegliere. Ci saranno quelli di Engadget, per esempio.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: