Wittgenstein

Capra

Se sento ancora Fioravanti convinto di imitare un contadino toscano parlando in abruzzese, sputo sul televisore Continua

Things happen

La considerazione speculare a quella per cui le cose hanno un senso proprio che prescinde dalle intenzioni – l’obiezione più ovvia alla stupidaggine de “lo fanno per il petrolio”: embè? Il problema è cosa fanno, non perché – e che... Continua

Per capirsi

“Supponiamo. Vi rapiscono, vi infilano in un sacco, vi riempiono di botte, e poi vi tirano fuori dal sacco, siete tumefatti ma riuscite a vedere le sagome dei rapitori, allora quelli, i rapitori, vi bendano, e vi continuano a riempire... Continua

Il-blog-è-uno-strumento-pieno-di-contraddizioni

Uno non fa in tempo a scrivere: “Cioé, già devo sopportare l’assoluta mediocrità di televisone, radio, giornali e dell’ottantaquattro per cento di scrittori e poeti e adesso, ué, mi devo anche pippare la comunità blogger? Eh no, eh?! Ma perché... Continua

Il bavaglino a Michael Moore

Se un regime impedisse a Michael Moore di parlare, sarebbe da preoccuparsi: se uno dei suoi trecentosettanta pulpiti internazionali sceglie una linea editoriale, è diverso. È quel che spiega il capo della Disney, e Wittgenstein è d’accordo, avendo appena deciso... Continua

Faccia da pippa

Una volta che eravamo a New York, portai Christian Rocca a vedere la sua prima partita di baseball. Lui invece andò a intervistare Maurizio Cattelan, e mi lasciò da solo in albergo a guardare la tv Camillo Continua

Il giovane Mercury?

Il severo censore del Gazzettino ha capito che nella Fattoria ci sono dei parenti, ma non ha capito bene di chi: “Ci troviamo in compenso figli di nessuno che sperano di essere qualcuno; figli di famosi (Queen, Parietti)” Il Gazzettino Continua

La linea

Il titolare qui, una volta aveva una sua idea sui weblog. Poi ha deciso di non avere più nessuna idea sui weblog. Ora sta pensando di adottare ogni idea possibile sui weblog. Lunedì ho detto a un incontro universitario che... Continua

“Vecchio scarpone, quanto tempo è passato”

Wittgenstein lancia una rassegna letteraria elettorale. Stimolato da una cosa che avevo scritto qui e qui, a proposito della campagna di manifesti del labour inglese che usa i volti degli avversari politici contro di loro, propongo a lettori e bloggers... Continua