La morte del SEO?

Da ieri in tutto il mondo si chiedono se il nuovo sistema di ricerca di Google cambi davvero le cose o no, serva davvero a qualcosa o no, e a cosa serva. Una prima risposta è che di certo cambia le nostre abitudini nei confronti di un’azione che è diventata presentissima nelle nostre vite quotidiane, cambia i dettagli di quell’azione, e quindi cambia anche le nostre vite. Una seconda risposta la dà Steve Rubel. Lui la chiama la morte del SEO, ovvero della tecnica divenuta arte di costruire le pagine ottimizzandole per la ricerca di Google, perché dal momento in cui le ricerche divengono modificabili dai suggerimenti (e i risultati potenzialmente personalizzabili sulle abitudini di ognuno e non universali), la forza del SEO diminuisce molto: bisognerà scegliere per chi ottimizzare, o incrociare le dita.
Ma altre risposte ci saranno. Le cose, cambiano

update: qui altre implicazioni, sul piano della pubblicità. E sulla morte del SEO arrivano le obiezioni.

Altre cose:

3 commenti su “La morte del SEO?

  1. Pingback: Vita di un IO » Blog Archive » L’alfabeto secondo Google

  2. Giuliano

    Mah, secondo me non cambia nulla rispetto alla combo dei suggerimenti/autocompletamento che c’era già prima. Google può introdurre tutti i fattori che vuole (localizzazione, statistiche per utente, …) ma all’interno dello stesso sotto insieme dei risultati possibili, sempre di indicizzare dei documenti per parola chiave si tratta. Le parole chiave rimarranno importanti, così come produrre documenti dai quali sia facile estrarle.

    (non sono un SEO, btw. ;) )


    Giuliano

  3. Pingback: I link della settimana | Montaigne

Commenti chiusi