It’s one o’clock, and time for lunch

I Genesis attaccano con il nuovo tour la settimana prossima, da Helsinki. I Genesis in formazione tipica, quella più longeva: le tre simpatiche vecchie zie, insomma (più le due zie accessorie, Daryl Stuermer e Chester Thompson). Ray Wilson, infilato in un improbabile periodo di assenza di Phil Collins, se ne è tornato ai fatti suoi. Quanto a Peter Gabriel, a Roma stanno facendo di tutto per farlo apparire al concerto del Circo Massimo. E per far sperare che appaia.

Ma la sua presenza aleggia sempre. Ieri a Bruxelles alle 14 esatte del pomeriggio, in uno stupendo capannone dell’Esposizione del 1935 che pareva tirato fuori da una scenografia di Metropolis, c’è stata l’ultima prova generale, la prima con un pubblico, per quanto esiguo. A Bruxelles in questi giorni ci sono i Genesis, e anche i Rolling Stones, nello stesso albergo.

Poi potrei anche dire del mio incontro con le zie (non ci vedevamo di persona da esattamente 25 anni, e quei cafoni neanche si ricordavano), o della playlist del concerto: ma sono vincolato a un segreto colabrodo fino al debutto. Tanto ci sarà in giro sicuramente qualcuno più blogger di me

Genesis, YouTube, Ericlaforge

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: