Periodi di crisi

Io mi immagino la scena così: siamo nella redazione spettacoli del Corriere e si è deciso di aprire con un pezzo sui costi della musica in tempi di crisi. E va bene, ci può stare. Ma la pagina ha bisogno di un box accessorio, qualcosa che la “muova”. Che si fa? C’è questa cosa delle canzoni tristi, dice qualcuno. Ma è vecchia, risponde qualcun altro: è una lista di Rolling Stone di anni fa con in testa una canzone dei Verve. L’ha appena citata pure Vanity Fair per via di un film, che vuoi dirne ancora? Beh, che la gente sente canzoni tristi perché c’è crisi, esclama il caporedattore. Eh? Maddai… non è che c’entri molto: e poi la gente sente un sacco di musica allegra. C’entra, c’entra: vedi se trovi qualcosa.

Insomma, è venuto fuori questo, arricchito da chicche come “la snobbissima rivista musicale inglese Q” (Q è un mensile musicale molto venduto e popolare, da qualche anno ancora più vicino ai gusti mainstream di un tempo) e la notizia completamente fuori contesto della nuova paternità di Peter Gabriel: altre ne potete trovare da soli.

p.s. nel frattempo, il tormentone “canzoni tristi” rinasce dalle sue ceneri per mano di Gianluca Ceneri

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: