Toys in the Attic

Toys in the Attic è il titolo di diversi lavori artistici. Il suo significato è simile a quello di “Bats in the belfry”.

Scegliendo le canzoni per il programma che facciamo su RadioDue, con il mio socio Matteo Bordone ci siamo trovati a chiederci cosa voglia dire quando in una canzone di “The wall” dei Pink Floyd lui dice “Toys in the attic, I am crazy”. Giocattoli in soffitta? Wikipedia cita alcune opere intitolate all’espressione, ma sul significato dice solo che è simile a “bats in the belfry”: pipistrelli nel campanile. E siamo daccapo. Ma pipistrelli nel campanile, sempre su Wikipedia, rimanda alla voce “Pazzia”. E allora mi sono ricordato che si diceva anche al paese mio, da piccoli, per sfottere qualcuno e dargli del matto: “c’hai i bimbetti che fanno a guancialate in testa”. Giocattoli in soffitta, pipistrelli nel campanile.

Update: bastava guardare Wikipedia italiana. Toys in the Attic (letteralmente “giocattoli in soffitta”) è un’espressione idiomatica della lingua inglese per riferirsi alla pazzia”

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: