Grandi rivoluzionari: Franceschini, Fioroni, Rutelli, Marini, Binetti

Lungi da me il pensiero di fare tornare sui suoi passi Debora Serracchiani: mi piacerebbe, come certi giorni mi piacerebbe volare, ma le leggi della fisica le do per insuperabili.
Però tanto solide mi sembrano sempre le sue convinzioni, tanto fragili ultimamente le sue argomentazioni. La cosa che ha scritto oggi sul suo blog mi ricorda la barzelletta di quello che sentendosi rifiutare una brioche al bar risponde “chissenefrega, tanto c’ho fuori l’elicottero”.

Sintesi della sua spiegazione:
Domanda: perché non cambio idea in favore di Ignazio Marino?
Risposta: perché il nostro paese deve rivoluzionare il ciclo dell’energia.

E quello, come si sa, lo può rivoluzionare solo Dario Franceschini. (Con la sua “squadra”, chiaro).

p.s. Debora è brava, ok? Non contatemi sul carro degli sciacalli solo perché le dico dove sbaglia. Secondo me.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: