“Fuori la lista Formigoni”

La lista Per la Lombardia di Roberto Formigoni non è stata ammessa alle elezioni regioni per invalidità di 514 firme. Lo ha deciso la Corte di appello di Milano accogliendo il ricorso presentato dalla lista Bonino-Pannella.

Complimenti. Pippo Civati l’aveva detto, qualche giorno fa, che c’era qualcosa di strano.

La domanda che sorge spontanea, però, è un’altra: ma come fanno a raccogliere migliaia di firme in un giorno solo? Oggi è giovedì, sono le nove del mattino, e le liste non sono ancora chiuse. Entro dopodomani, a mezzogiorno, queste liste devono essere depositate. Come cavolo faranno? Davvero non capisco. E non capisco perché nessuno lo rilevi.

Penati, invece, sarà stato consigliato da certi giuristi amici suoi che “la questione è controversa”. Forse diffonderà un comunicato di solidarietà con Formigoni: tutto questo “lo indebolisce”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: