Perugia, o cara

Il Post domani trasloca a Perugia, per il Festival del Giornalismo, o come si chiama adesso. Chi viene, ci troviamo lì, che è un bel posto e le previsioni del tempo sono buone e si incontrano un sacco di vecchi amici, amici che lo diventeranno, e gente che prima la leggevi solo su Twitter. E c’è una quantità enorme di incontri da seguire, e buoni bar dove riprendersi. Poi sabato io sono la mattina a parlare delle pagine Altri Mondi della Gazzetta delo Sport, di cui sono ormai da molti anni fiero autore (con le Notizie che non lo erano, ma anche altro), assieme ad altri fieri autori. E il pomeriggio, al Teatro del Pavone, c’è il mio “chinòt” intitolato “Il mondo salvato dai giornalisti”: che prima che lo spieghi nessuno capisce il doppio senso, e a me sembrava così furbo.

Altre cose:

Un commento su “Perugia, o cara

Commenti chiusi