Le rivoluzioni passano

Tra splendori e miserie, il Grande Fratello e la tarda opera di Oriana Fallaci hanno avuto simili sorti. Entrambi sono stati rivoluzionari dal punto di vista dell’innovazione del linguaggio, della promozione di se stessi, della diffusione nel tessuto sociale, del coinvolgimento generale di fans e detrattori. Entrambi hanno vinto – grazie a questo loro essere nuovi e agguerriti – a dispetto dei propri contenuti, del loro valore, della loro qualità morale. A entrambi va riconosciuto di aver cambiato le cose, di aver spostato (in avanti, all’indietro, vedete voi) il piano della discussione, e di avere schiacciato ogni resistenza al proprio “messaggio” in forza delle dimensioni della loro vittoria sul campo. Le cose non sono più come prima, dopo il Grande Fratello e dopo la Rabbia e l’orgoglio. Qualsiasi cosa si pensi del suo contenuto, e del mondo che ci consegna, non si può non riconoscere a una rivoluzione vittoriosa il merito di aver vinto, e le qualità necessarie a farlo. Non sono capaci tutti.
Da questo, ora che siamo nel 2004 e le due opere sono ancora in scena, si può giudicare anche ciò che sono diventate le loro reiterazioni. Perduta la forza dell’innovazione, divenute istituzionali e di maniera, in cerca di un mantenimento di se stesse – per ora realizzato – basato sulla riproposizione di meccanismi che rivoluzionari non sono più, risalta e rimane il contenuto: ovvero quello che vi si dice, né più né meno.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: