Get ‘em out by friday

Nella classifica delle scadenze più odiose dell’anno, metterei al primo posto il momento dell’alba del giorno d’estate in cui sei sul traghetto della Moby e vieni svegliato di soprassalto dalla registrazione in quattro lingue del messaggio che dice che stai arrivando, con due ore di anticipo sull’arrivo effettivo. Se non lo faccio è solo perché la musichetta in sottofondo è una rielaborazione di Horizons dei Genesis

Altre cose: