Noi nel mezzo, tra Zechila e Oprah

Salvo le sciocche cattiverie su Selvaggia (che denotano una certa ansia da primato dell’”arguta corsivista”, che non ha capito che Selvaggia voleva fare la valletta di Mirabella, a costo di passare per arguta corsivista), che la spingono a sbagliare del tutto la ricostruzione della baracconata Pappalardo-Abebe Zechila, il pezzo di Soncini sugli italiani popolo di Zechili era ottimo, e mi torna in mente ogni volta che – succede ininterrottamente da 24 ore – vedo tutti i maggiori network americani dedicare dibattiti e dibattiti al dramma di Oprah e dello scrittore che si è inventato il libro. Ogni volta penso: ma siete scemi? Le ha solo detto quattro balle. Ecco, Zechila anch’io

Il Foglio

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: