Do you know what it means to miss New Orleans?

Sono a New Orleans. Fa caldo, si sta in maniche di camicia. La sera no. La città è desolata, malgrado molte cose downtown abbiamo ricominciato a funzionare. Tra un mese arriva il carnevale, comunque. Stamattina sono stato a vedere il 9th Ward, la zona più colpita da Katrina, vicino a dove si sono rotti gli argini dell’industrial canal. È uno degli spettacoli più impressionanti che abbia visto in vita mia: anzi, non ho avuto una vita di grandi impressioni, quindi forse è il più impressionante. Per centinaia e centinaia di metri è un repertorio di tutte le immagini d distruzione che abbiamo visto in tv e nelle foto in questi mesi: case sbriciolate, alberi abbattuti sui tetti, automobili capovolte e finite in soggiorno, case spostate in mezzo alla strada, pareti sventrate, case piegate in due, eccetera. Il mio amico che mi ha portato abitava lì e non c’era più stato da quando era fuggito due giorni prima dell’uragano: neanche lui se lo immaginava così come lo vedeva. Poi con calma scrivo una cosa lunga, così mi spiego meglio

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: