This charming man

Domani vado a Roma. Parto da Linate la mattina presto. Quando arrivo vado a via Asiago, devo registrare una cosa in radio, poi vedo mio fratello a pranzo, sbrigo un paio di faccende, e per il resto della giornata mi piazzo sulla panchina nell’angolo di Piazza del Popolo, nell’angolo verso via del Babuino. Sto lì, tranquillo, con l’iPod nelle orecchie a sentire il nuovo disco di Morrissey che esce la settimana prossima ma mi hanno mandato l’anteprima, e aspetto. Si chiama “Ringleaders of the tormentors”, il disco. E non vedevo l’ora che uscisse, un nuovo disco di Morrissey, quindi me lo godrò, lo ascolterò e riascolterò e potrò aspettare su quella panchina tutto il tempo del mondo. E prima o poi lui passerà: mi hanno spiegato che vive a Roma, all’Hotel de Russie, da un anno. Morrissey. Morrissey degli Smiths.

Vanity Fair

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: