Milano da parcheggiare/2

“A Milano non ci sono troppe macchine. Ci sono troppi idioti (e, spesso, io sono fra quelli) che guidano macchine e scooter e biciclette e furgoni e autoarticolati e risciò (non ci sono i risciò, a Milano? Guarda, è una moda stronza che sta prendendo piede in altre città del mondo: quindi non dispero che saremo capaci di adeguarci in fretta). Io abito in periferia: sto a cinque minuti di cammino da due fermate della metropolitana, ciascuna dotata di regolare parcheggio ATM. Questo costa una cifra ridicola, e se compri l’abbonamento la cifra scende e la ridicolaggine aumenta. Eppure, niente: migliaia di macchine in coda per entrare in città, e centinaia parcheggiate lungo le vie e sui marciapiedi della zona. Vigili che multano? Zero. Polveri sottili? Incalcolabili. A volte i tg fanno passare le immagini di Pyongyang, vien quasi da invidiarli. Sergio”

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: