Notizie che non lo erano

Abbiamo un rapporto di grande provincialismo con la stampa internazionale: se è vero che è spesso di qualità maggiore della nostra, non è certo immune da superficialità e semplificazioni. Si tende a pensare che i giudizi stranieri sul nostro paese, e soprattutto sulla nostra politica, abbiano una maggiore obiettività data dal guardare le cose da fuori. Spesso invece le cose guardate da fuori si vedono semplicemente peggio e in modo più ignorante. Aggiungeteci che i giudizi politici stranieri sull’Italia vengono spesso usati e esibiti per i litigi politici di qua, e insomma la materia è già molto antipatica.

Ma ecco la storia. La settimana scorsa Newsweek – il secondo grande settimanale americano, tradizionalmente abbastanza liberal – pubblica un giudizio sul governo Berlusconi fatto di riconoscimenti ma anche di dubbi e critiche. Però il titolo – con qualche ironia – sintetizza: “Miracolo in cento giorni”. E il titolo basta ai commentatori italiani: l’articolo viene molto esaltato a destra, e spiazza la sinistra abituata a dire “guardate cosa dicono di Berlusconi nel mondo!”. Tanto è lo spiazzamento, che l’ex direttore dell’Unità e attuale deputato del PD Furio Colombo pubblica sull’Unità con i toni dello scoop i risultati di una sua microinchiesta su internet: l’autore dell’articolo di Newsweek, Jacopo Barigazzi, non esisterebbe e il pezzo sarebbe una manovra per aiutare Silvio Berlusconi. E Colombo l’ha smascherata!

Beh, la faccio breve. Nel giro di poche ore si conferma esistenza di Barigazzi e l’implausibilità della scoperta di Colombo. E qualcuno ricorda anche che proprio l’Unità citò due anni fa un articolo di Newsweek dello stesso Barigazzi. E sapete perché? Perché criticava Berlusconi.

L’Unità avrà un nuovo direttore da dopodomani, Concita De Gregorio: tanti auguri da noi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Notizie che non lo erano

  1. Pingback: Francesco Costa » Eccone un altro

Commenti chiusi