Won’t you please come to Chicago?

Per farla breve, dopo che – parallelamente alle vicende dell’Inter – la squadra stinfia e sfigata dei Boston Red Sox è tornata a vincere, il caso umano vero resta quello dei Chicago Cubs. 99 anni che non vincono il campionato, cosa senza uguali in nessun altro sport professionistico.

L’anno scorso si sono avvicinati più del solito, ma niente. Adesso stanno ricominciando a farci un pensierino (e ieri ai danni dei Mets, anche loro in abbandono del loro stadio, come gli Yankees). E c’è persino chi spera che alle finali arrivino due squadre di Chicago

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Won’t you please come to Chicago?

  1. Pingback: Un posto dove appendere il cappello » Blog Archive » E il Chievo, allora?

Commenti chiusi