La versione di Costa

Rilancio: sapete perché è successo, questo?
Perché quando Walter Veltroni si è candidato a segretario del Partito Democratico, all’apice della sua popolarità, ha preferito la cara vecchia strategia del “non spaccare il partito” alla battaglia delle idee, imbarcando nelle sue liste una vagonata di gente che vedeva il suo partito liquido e il suo bipolarismo come fumo negli occhi. Tutti senza alcun pudore sul carro del vincitore designato (Leftwing chiuse dalla vergogna, per dire), che a sua volta accoglie tutti a braccia aperte: poi il vincitore designato perde le elezioni e viene di fatto commissariato. E lui, ingenuo, pur di non rischiare di schiodarsi da dove si trova e pur di “non spaccare il partito”, cambia drasticamente linea: partito solido, tessere, nomine a valanga per accontentare correnti e correntine, pensando che questo riallineamento possa salvarlo rimetterlo in carreggiata. Ovviamente non è successo, e allora ha pensato bene di buttarla in caciara. Ma tutto va bene, tutto va sempre bene, pur di non spaccare il partito: anche perdere le elezioni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: