Uno, due, tre, casino

Non mi si sospetti di esserne critico: ho scritto per un anno dell’assenza del PD da qualsiasi iniziativa comunicativa e politica efficace, e ora sono quindi ammirato dai movimenti di Franceschini. Ma la cosa sta diventando addirittura divertente: quello ogni mattina si sveglia e gli ammolla la patata bollente demagogica della giornata. Oggi ha addirittura tirato fuori “togliamo ai ricchi e diamo ai poveri”. Domani chiederà che si stabilisca il bel tempo per legge, dopodomani proporrà un mazzo di rose per ogni italiana, e nel weekend – quello non riposa mai – annuncerà una proposta di legge perché il premier inviti a cena tutti gli italiani per pasqua. Seminando il panico nella maggioranza (Fini dichiarerà “il dolce lo porto io!”).
Dai, Dario. Politica non la sappiamo fare più, almeno piantiamogli dei casini.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: