Il dovere dell’opposizione

La condizione decisamente ingiustificabile di Lucio Stanca – deputato e insieme supermanager dell’Expo di Milano – dopo molte polemiche è stata demolita meritoriamente dal centrosinistra al consiglio comunale di Milano.

In Consiglio, con il voto segreto, il neonato gruppo del Pdl si sfarina. Sono presenti 51 consiglieri, 30 della maggioranza. Ma almeno 10 voti vanno in libera uscita. In 31 sono a favore della mozione, i contrari restano 17, gli astenuti tre. L’unico leghista, Matteo Salvini, è assente. Stanca non può essere costretto a dimettersi da parlamentare. L’effetto politico tuttavia è notevole. «Se dieci consiglieri di maggioranza chiedono le dimissioni di Stanca — attacca Majorino — è un segnale chiarissimo. È uno schiaffone al modo di gestire l’Expo da parte del centrodestra». Facce imbarazzate sui banchi della maggioranza. Giulio Gallera getta acqua sul fuoco: «È un piccolo infortunio — dice — La voce del partito è chiara, altri parlamentari esercitano un secondo mestiere». 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Il dovere dell’opposizione

  1. Pingback: DestraLab » Fare il furbo

Commenti chiusi