Le vite degli altri

Il libro di Enrico Mentana (“Passionaccia”) si legge tuttodunfiato, come si dice. Per la curiosità di sapere com’è andata con Mediaset, per l’interesse delle sue valutazioni sulle condizioni del giornalismo televisivo e non, e perché è scritto senza spazio per annoiarsi o distrarsi.
Ma anche perché alla fine, in un capitolo che è insieme un po’ estraneo ai precedenti, ma ne è anche il coronamento, Mentana racconta con grande efficacia e un colpo di scena drammatico una storia sua, una storia di tutti, e un dettaglio che letterariamente e giornalisticamente lascia a boccaperta. La storia di tutti è quella dell’assassinio dell’agente Custra a Milano nel 1977 e dell’individuazione del responsabile Mario Ferrandi da parte del giudice Guido Salvini (raccontata due anni fa anche da Mario Calabresi nel suo libro). Il dettaglio che lascia a boccaperta è che Salvini e Ferrandi da giovani erano stati amici. La storia di Mentana, è che erano stati amici suoi. Il racconto non ve lo rovino, che quello di Mentana è molto più impressionante del mio.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Le vite degli altri

  1. Pingback: Condor » Condor in diretta

Commenti chiusi