Notizie che non lo erano

C’è un intero fenomeno giornalistico che sta prosperando in queste settimane, e che ricade nella categoria “notizie che non lo erano”. Il meccanismo è questo, e riguarda le accuse e le analisi contro il Presidente del Consiglio di queste settimane: i giornali italiani pubblicano delle ricostruzioni ipotetiche e delle dietrologie quotidiane, che i lettori italiani sono ormai abituati a dimenticare il giorno dopo (le dimenticano gli stessi giornali, peraltro). Quelle ipotesi vengono però riprese dai giornali stranieri, che le hanno lette sui giornali italiani e le sintetizzano per i loro meno attenti lettori. E il giorno dopo i giornali italiani riprendono gli articoli stranieri, a sostegno delle stesse ipotesi che loro stessi avevano azzardati. Un esempio tra tanti: la voce per cui qualcuno lavorerebbe a far dimettere Berlusconi per sostituirlo con Mario Draghi. Uscita su un quotidiano italiano, ripresa dagli inglesi, e rilanciata dallo stesso quotidiano italiano come notizia: “secondo gli inglesi sarebbe pronta una sostituzione di Berlusconi con Mario Draghi”.
Parlando ancora dello stesso Presidente del Consiglio, tutti gli spettatori dei RaiNews24, del Tg3 o di SkyTg24 hanno potuto vedere il servizio della sua visita alla stazione di Viareggio e delle vivaci e forti contestazioni che ha ricevuto da molti viareggini. Era una notizia, sia politica che di cronaca. Che è poco misteriosamente sparita dal Tg1 e dal Tg2, in cui della visita si sono solo visti gli annunci soddisfatti di Berlusconi sui soccorsi all’opera. Notizie che lo erano.

Un commento su “Notizie che non lo erano

  1. Pingback: A scuola di giornalismo da Buscetta « Perla Scandinava

Commenti chiusi