All the sad young men

Il titolo di “Tutti gli intellettuali giovani tristi” – il romanzo di Keith Gessen di cui ha scritto su Vanity fair Irene Bignardi, e che si è visto molto in giro quest’estate – cita una vecchia raccolta racconti di Francis Scott Fitzgerald. Uscì nel 1926 e si intitolava “All the sad young men” (il titolo originale di Gessen è “All the Sad Young Literary Men”).
Nel 1959, invece, Fran Landesman scrisse i versi di “The ballad of the sad young men” e li fece mettere in musica al pianista Tommy Wolf. Si erano conosciuti quando lui suonava il pianoforte al Jefferson Hotel di Saint Louis: lei poi aveva aperto un teatro con suo fratello e aveva chiesto a Tommy di venire a suonare da loro. Fu lì che Fran cominciò a scrivere versi, e divenne una poetessa, autrice di canzoni e di musical. Adesso ha 82 anni e vive a Londra. “All the sad young men” è una canzone bellissima e malinconica con cui autocommiserarsi se si è maschi e giovani. È diventata famosa nella versione di Roberta Flack, ma è stata cantata da molti, e molto suonata come standard jazz: consiglio su tutte la versione di Rickie Lee Jones.

Autumm turns the leaves to gold
Slowly dies the heart
Sad young men are growing old
That’s the cruelest part

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: