Sipollici

FriendFeed è un social network piuttosto frequentato anche se di certo non così mainstream e di successo come i suoi parenti più celebri: ad alcuni di noi piace proprio perché ha funzioni più semplificate ed essenziali, e comunità più familiari (anche se ormai cospicue: quelli che leggono le mie cose sono quasi mille, ormai): e questo aiuta anche a non diventarne vanamente dipendenti (poi c’è chi ci riesce, come con tutto). Qualche tempo fa proposi una discussione sull’anonimato in rete, che fu ai miei occhi interessante: io ne sono un solido critico, ma consento alcuni buoni argomenti e la libertà per ognuno di fare come vuole. Diciamo che metterci la faccia e il nome non è per me un dovere, ma una buona maniera che vale la pena incentivare. Quindi a un certo punto ho cominciato ad accettare su FriendFeed solo le subscriptions di chi avesse un nome e un cognome o fosse per me riconoscibile e noto: anche per mantenere quell’affidabile clima di confidenza, diverso dall’anonimo “fare amicizia” con le moltitudini ignote di altri luoghi. Lo scrivo anche qui, in modo che coloro che non hanno ricevuto una mia risposta ne abbiano una spiegazione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: