Buonasera dottore

A metà tra la categoria “libertà di informazione”, quella “futuro di internet” e il boxino morboso, con dentro Apple e iPhone, una vicenda sta molto appassionando la rete: Apple ha deciso di rimuovere dal suo Store tutte le applicazioni che abbiano a che fare con cose di sesso e pornografia, ma anche molto molto light. Se ne discute da qualche giorno – i siti hanno la chance di illustrarla con immagini di bikini e playmate, e allora anch’io – e ora dice la sua anche Phil Schiller di Apple.

“It came to the point where we were getting customer complaints from women who found the content getting too degrading and objectionable, as well as parents who were upset with what their kids were able to see”

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: