L’11 settembre che non c’è stato

Najibullah Zazi, l’uomo fermato a New York a settembre con una massiccia dose di esplosivo costruito con prodotti acquistati in profumeria a Denver – ne avevamo parlato a Condor – si è dichiarato colpevole e ha ammesso di aver complottato per far esplodere la metropolitana di New York. È forse il caso più fondato di reale minaccia terroristica negli USA in questi anni.

Mr. Zazi, 25, pleaded guilty in United States District Court in Brooklyn to charges that included conspiracies to use weapons of mass destruction and to commit murder in a foreign country, and to provide material support for a terrorist organization. He faces a possible life term when he is sentenced on June 25.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: