Ragazzate

Come accenna Pippo Civati, la turpitudine del decreto ad paninum non è solo nel suo legittimare una violazione, ma è anche nel costruirne un’altra, di violazione. Il decreto stabilisce infatti un’amnistia sulle “irregolarità formali”, distinguendole dalle questioni sostanziali. Le conseguenze possono quindi essere solo due:
– o conveniamo che la consegna di firme valide sia una questione sostanziale rispetto alla presentazione di una lista, in quanto impedisce che si candidi chiunque senza nessuna legittimazione ed è una norma che fa rispettare un principio; e in questo caso il decreto non è applicabile sull’invalidità delle firme, le irregolarità non potendosi definire “formali”.
– oppure, se il decreto vale per le firme non valide di Formigoni – la cui non validità non può essere distinta tra formale e sostanziale: chi stabilisce se io non metto un’autentica perché me la dimentico o se non lo metto perché la firma è taroccata? – allora vuol dire che la validità delle firme è ritenuta una questione “formale”, e non una garanzia necessaria, e allora d’ora in poi al diavolo timbri, autentiche e raccolta delle firme stesse

In più, mi pare che l’idea che le regole possano essere ufficialmente distinte tra “formali” e “sostanziali”, e di conseguenza violabili o no,  genera un mostro e un precedente devastante, come si può immaginare. Tornando al famoso esempio del pagamento dell’IVA, cos’ha di sostanziale il rispetto della scadenza? O l’indicazione esatta dei codici tributo? Basta che paghi, no?

Su Repubblica di oggi Valerio Onida aggiunge elementi che non chiariscono del tutto, mi pare.

Quelle di Milano sono «formalità» superabili o no?
«Sulla base della prima decisione dell´Ufficio centrale regionale, mi sembra si tratti di difetti non tali da inficiare la validità della presentazione, a meno che non si scopra che ci sono stati dei veri e propri elementi di falsità».
E per Roma?
«Se la presentazione della lista non è stata tempestiva, non si può ritenere questa una mera irregolarità sanabile».

Altre cose: