Altro a cui pensare

Non mi fido ormai di quasi nessuno, ma ho il sospetto a ragioni vedute che l’interesse americano sulla legge anti intercettazioni somigli più alla ricostruzione che oggi ne fa il Secolo che ai titoli e gli spazi che vedo altrove:

Intervenendo in una conferenza stampa all’ambasciata Usa a Roma, in merito alla commemorazione di Giovanni Falcone, il sottosegretario al Dipartimento di Giustizia Usa, Lanny A. Breuer ha detto: «La legislazione italiana finora è stata molto efficace. Non vorremmo mai che succedesse qualcosa che impedisse ai magistrati di fare l’ottimo lavoro svolto finora, le intercettazioni – ha spiegato – sono uno strumento essenziale per le indagini».
Certo, poi è arrivata la precisazione da Washington, dove con tutta evidenza si sono preoccupati della strumentalizzazione giornalistica che le parole di Breuer stavano prendendo. «Gli Usa non entrano nel merito di decisioni interne dell’Italia», precisava una nota del vice sottosegretario del Dipartimento della Giustizia Usa Lanny Breuer. «Alla domanda di commentare la legislazione attualmente in esame al Parlamento italiano in materia di intercettazioni – sottolineava la nota – Breuer ha precisato: “Non spetta a me entrare nel merito di decisioni politiche o giudiziarie riguardanti l’Italia”». Nel comunicato si afferma che il politico americano aveva rifiutato di commentare la legislazione in discussione. «Non conosco i provvedimenti legislativi in discussione», ha spiegato nella nota ufficiale.

Questa invece, per gli amanti del genere, la versione di Repubblica:

A Washington le bocche sono cucite, solo “off-the-record” e a condizione di non citare le fonti, si può ricostruire il retroscena dell´evento. Mancano solo tre giorni all´arrivo qui del presidente Giorgio Napolitano: incontrerà Barack Obama e la Speaker of the House, Nancy Pelosi. Mai come in questo momento i responsabili della politica estera americana sono aggiornati su quanto accade in Italia: nessuna sfumatura dello scontro sulla giustizia sfugge a chi sta preparando sul versante Usa il summit Obama-Napolitano. Sanno di doversi muovere su un sentiero strettissimo, in un equilibrio delicato e precario. «Il governo italiano è un alleato prezioso degli Stati Uniti, nell´impegno comune in Afghanistan l´Italia ha versato ancora di recente un pesante tributo di sangue». Alla Casa Bianca e al Pentagono non si vuole mettere a repentaglio la cooperazione su quel fronte strategico, dov´è in corso l´escalation militare e si prepara la grande offensiva su Helmand. E tuttavia questa è un´Amministrazione i cui valori sono chiari. Mai come ora c´è stato nelle stanze del potere di Washington un “clan italo-americano” schierato tutto a sinistra. Nancy Pelosi, l´ultraprogressista di San Francisco che è la seconda autorità del partito democratico dopo il presidente. Janet Napolitano, superministro degli Interni alla Homeland Security. Leon Panetta capo della Cia. E poi l´uomo dei programmi, John Podesta che dirige il Center for American Progress, il think tank di riferimento di Obama, il cui manifesto riformista uscirà tra breve alle edizioni del Mulino.
È una squadra che ha una conoscenza dell´Italia del tutto insolita per la classe dirigente americana. E i cui valori sono molto vicini, come si ribadisce nell´entourage di Nancy Pelosi, a quelli di Giorgio Napolitano. Nessuna smentita quindi alle parole di Breuer, che esprimono una cultura del diritto e della trasparenza, una scelta di civiltà prima ancora che un´ideologia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

8 commenti su “Altro a cui pensare

  1. Pingback: Ti piaceresse - manteblog

  2. scirocco

    Beh, un po’ paraculo Mr. Breuer. La presa di posizione c’è stata: “non vorremmo mai che succedesse qualcosa che impedisse ai magistrati di fare l’ottimo lavoro svolto finora”. O si riferiva ad una eventuale epidemia in arrivo che costringa sul cesso i magistrati nelle ore di lavoro, oppure si riferiva agli impedimenti alle indagini cui il governo italiano sta armeggiando e dei quali in questi giorni si fa giustamente un gran parlare.
    Dato che Mr. Breuer fa il sottosegretario alla giustizia, saremmo più per la seconda che ho detto.
    Che poi non spettasse a lui “entrare nel merito di decisioni politiche o giudiziarie riguardanti l’Italia” (fino a un certo punto) è vero, e mannaggia al diavoletto che lo ha fatto parla’.

  3. Luca

    Diciamo che tra “Breuer non ha etto niente” e “l’America interviene sulle intercettazioni” c’è una misura intermedia, va’.

  4. scirocco

    Ce ne sono infinite, misure intermedie (la geometria è chiara), ma la realtà di questa mi pare più vicina a “l’America interviene sulle intercettazioni” che non all’altra.
    Prudenza diplomatica permettendo, naturalmente.

  5. Luca

    “Ti pare” sulla base di cosa? La frase di Breuer è arrivata in risposta a una domanda dei giornalisti, il Washington Post riferisce delle intenzioni del suo viaggio senza fare nessuna menzione della questione intercettazioni, la nota arrivata poi da Washington dimostra preoccupazione che quelle parole siano sovrastimate. Che qualcuno nell’amministrazione possa avere a pagina 351 delle sue preoccupazioni il ddl italiano, può darsi: che l’amministrazione abbia voluto fa pesare il suo giudizio, e deliberatamente entrare nel dibattito, mi pare molto molto tirato per i capelli. Diciamo.

  6. Pingback: L'intervento Usa sulle intercettazioni? Una balla colossale | IL FAZIOSO

  7. scirocco

    “Mi pare”, sulla base di quello che Breuer ha detto (versione Secolo): l’ho già scritto nel mio primo commento. Ci mancherebbe che nella lista delle cose da fare in Italia ci fosse, sia pure al punto 27, quella di venire a spiegarci quello che non si fa. Dài.
    Rimangono le parole dette da un rappresentante dell’amministrazione americana, fatte salve ripeto tutte le prudenze diplomatiche del caso. E una certa paraculaggine del sottosegretario stesso, che gli avranno detto essere molto in voga in Italia.

  8. piti

    Mi pare che più di quello che ha detto, Breuer non potesse dire. Anzi, si è spinto molto in là, nelle sue parole. Siccome in Italia siamo abituati a uomini politici rozzi e senza senso del ruolo nè della misura, gente che dice di buttare il tricolore nel cesso o che i pliziotti sono dei panzoni, forse ci sembrano pareri sfumati. Ma, nel mondo civile, parole come queste sono parole piuttosto forti, sebbene corrette successivamente.
    Breuer è l’America? No, ovviamente, ma non è nemmeno solo un qualunque mr Breuer turista americano a Roma.

Commenti chiusi