I sondaggi con le automobili

Circolano in rete anche a questo turno elettorale dei sondaggi che si fingono risultati di gare automobilistiche, li avrete forse visti. Si dice arrivino da ambiti PdL e sono abbastanza ridicoli, perché mettono una gran cura nel non sembrare sondaggi sulle elezioni di Milano e Napoli, ma così facendo non danno alcun elemento sulla loro attendibilità: eppure scatenano gran passaparola in rete, e darsi di gomito come se si avessero informazioni preziosissime. Per dire, potrei pubblicarne uno anch’io, inventandomi tutto e buttandola sul basket.

Le furie rosse sono avanti di pochi canestri nel derby di Milano, alla fine del terzo tempo: 52-48. All’intervallo a Napoli invece il parziale è di 57-43 per il quintetto detentore del titolo

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

5 commenti su “I sondaggi con le automobili

  1. LorenzoM

    Ma come è possibile! I detentori del titolo a Napoli non sono arrivati in finale!

    Poi magari nel derby di Milano ci sono le scarpette rosse, no le furie.

  2. Michelangelo

    Mah, se e’ questo,
    http://www.sondaggibidimedia.com/
    a me sembra di sinistra e ci sta imbroccando su Milano
    quello di destra e’basato sui cavalli ed e’ qui
    http://www.rightnation.it/
    e comunque ci sta imbroccando anche lui su Milano.

    Poi, che dei siti di sondaggi clandestini non siano affidabili dovrebbe essere nella natura delle cose. Chi lo sa da dove vengono quei dati? di certo non lo vanno a dire ai curiosi che li leggono.

  3. burfaldyno

    tipo a “un giorno da pecora” che parlavano di corse di cavalli, però loro lo facevano per far capire quanto sia facile sfuggire a queste regolette del menga, e soprattutto mi facevano molto ridere

Commenti chiusi