Amato, i massoni e Google

Oggi sul Corriere c’è una lunga intervista di Aldo Cazzullo a Giuliano Amato, che disserta sui propri meriti e le proprie qualità trascurate e calunniate negli ultimi mesi, pur dicendosi “abituato a vedere le cose in termini che vanno al di là di me”. Tra le altre bellicose rivendicazioni e gli allegri annunci sulla carriera forense della figlia grazie alle cause per diffamazione che lo riguardano, Amato dà un esempio illuminante della sua scarsa padronanza dei temi di internet di cui parla (su cui dice anche cose generali più sensate) in questo passaggio. 

Ora, Amato può facilmente constatare che quel che capita a lui con il termine “massone” capita praticamente a tutti i più noti leader politici: e il tema è interessante per l’analisi sulle ricerche e i pensieri degli italiani, ma toglie senso alla sua esibizione di vittimismo da primato (la storia dell’Amato omonimo, poi, io non la vedo proprio). E soprattutto, la protesta di Amato racconta una cosa comunissima tra le colte e preparate persone della sua generazione: la tendenza a lanciarsi in precipitose conclusioni su terreni che finalmente non conoscono e su cui hanno perso l’abitudine di fare le verifiche del caso.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

2 commenti su “Amato, i massoni e Google

  1. stefano

    Non sprizza certamente simpatia Amato. Sono certo però che il giudizio generale su di lui sia abbastanza ingiusto e che, anche se entra in un territorio non suo, sollevi un problema molto reale. Basta leggere gli stessi commenti all’intervista per capirlo. Sul PD poi parole sante dalla prima all’ultima.

  2. Domiziano Galia

    Spero che dalla prima schermata di Google scompaiano con solerzia quei riferimenti menzogneri e sia invece presente in evidenza questa intervista in modo che i cittadini possano farsi l’autentica idea di Amato.

Commenti chiusi