Falling man

Ci sono certi romanzi che hanno delle gran storie, e certi romanzi che hanno dentro delle idee, degli spunti, degli appunti, e la storia anche, oppure no.

Don DeLillo è uno che scrive libri del secondo tipo, e il suo nuovo Falling Man non so ancora se mi piace, ma ha dentro delle cose, piccole, di quelle che sicuramente altri ci avevano pensato, e io no.

Una è il modo simmetrico con cui noi e i francesi chiamiamo le nature morte, mentre i paesi nordeuropei le chiamano “vite ferme”.

Un altro è la posta che ci arriva col nome sbagliato, e le riflessioni che possiamo fare su quegli errori, sulle identità, sui postini, o semplicemente sul fatto che questo avvenga

(il libro parla dell’11 settembre, in un certo senso: il falling man del titolo è quello di questa nota storia)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: