Cecilia

Non si sa se sia una santa, una ragazza, o un cane. Circolano varie versioni sulla “Cecilia” destinataria dell’allegra e rumorosa canzone di Simon e Garfunkel. L’ipotesi cane è stata propalata da Garfunkel, che una volta disse non risultargli alcuna Cecilia nella vita sentimentale di Paul Simon, e quindi non poteva che trattarsi del suo labrador nero. Santa Cecilia invece è la protettrice dei musicisti, e questo suggerisce una possibile ispirazione (martirizzata nel II secolo, morì cantando per il Signore). E nella canzone lui in effetti si inginoccia e canta “jubilation”. Però parla anche di fare l’amore con Cecilia nel pomeriggio, e trovare un altro nel suo letto, e insomma alla fine la lezione più convincente è quella più facile.
Qualunque sia il messaggio, comunque, l’andamento è molto festaiolo rispetto ad altre malinconie del duo a quel tempo (il 1970), ed è la cover perfetta per concludere il concerto circense che i Counting Crows, Michael Franti e alcuni altri stanno portando in giro per l’America. Tutti a cantare a squarciagola e battere coi piedi.

Celia, you’re breaking my heart

You’re shaking my confidence daily

Oh, Cecilia, I’m down on my knees

I’m beggin’ you please to come home

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: