The humbling

Il nuovo libro di Philip Roth – l’uomo per cui il Nobel sarebbe postmaturo – ha due scusanti per non essere bello come il precedente: una è che il precedente – “Indignazione” – era davvero molto bello, e l’altra è che per un libro che parla di disgrazie e rovine senili competere con uno che parlava di passioni ed entusiasmi giovanili è molto difficile.
Però Roth scrive sempre magnificamente e “The humbling” si legge in tre ore. E poi c’è un amore che finisce perché una delle due amanti comincia a stare sempre attaccato al Mac e a internet, giorno e notte.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: