Notizie gratis, e sbagliate

Come spiega correttamente Massimo Mantellini la storia pubblicata oggi sul Corriere della Sera e su Repubblica per cui Google farebbe pagare i contenuti di informazione dice l’opposto del vero (wishful writing): la notizia reale è che Google consente comunque un bonus gratuito di consultazioni anche per quei siti di informazione che richiedono il pagamento e che attraverso Google possono essere letti gratis.

Google’s “first click free” program allows Google News or Google search user to find and read articles, even if they are behind a subscription paywall. The reader’s first click to the content is free, but when a user clicks on additional links on the site, the publisher can show a payment or registration request.

update: Marco Pratellesi, che ne capisce, ha ridimensionato la questione

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: