L’uomo a forma di genio

Maurizio Molinari della Stampa è andato a vedere cosa fa e dice il professor Kurzweil

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

3 commenti su “L’uomo a forma di genio

  1. mattions

    Questa è una delle motivazioni più strampalate che abbia mai sentito:

    La strada per arrivare alla «Singularity» dunque passa per la matematica e i computer. Kurzeil lo spiega così: «Il disegno del cervello è contenuto nel genoma, che ha sei milioni di bit ovvero circa 800 milioni di bytes prima della compressione, ma può essere ridotto a circa 50 milioni di bytes» e ciò significa che «mezzo cervello è 25 milioni di bytes ovvero un codice da un milione di righe».

    In pratica, quella argomentazione lì, non prende in esame le interrelazioni tra le varie proteine, i vari modi di encoding delle informazioni, e la capacità capire come funziona il sistema dal punto di vista dinamico.

    E’ seriamente sballata. L’ha detto veramente?

  2. Michele Luzzatto

    A parte la cosa meravigliosa dei pentaflops (un computer che va a 20 pentaflops. Stupendo, mi sembrano i fantastiliardi di PdP), ma l’articolo della Stampa si intitola “Tra 10 anni i computer
    saranno i nostri padroni. Paura, Terrore, Raccapriccio” (no, ok, paura terrore e raccapriccio ce li ho aggiunti io), ma dov’è che Kurzweil direbbe questa cosa? Nel testo dell’articolo si parla al massimo di paura dei robot che bussano alla porta (che poi non mi sembra una cosa così spaventosa, basta che si tolgano le scarpe quando entrano), e non l’ha detto neppure Kurzweil.

    P.S. Ho controllato su Wikipedia. Purtroppo i pentaflops, che mi sembrano una disciplina olimpica in cui vince chi fallisce col botto in cinque prove sportive diverse, non esistono. Esistono i petaflops, che sono dieci alla quindicesima flops. I multipli del flop sono il megaflop, il gigaflop, il teraflop, il petaflop, l’exaflop, il zettaflop, lo yottaflop. Poi immagino che ci sia lo yattaflop, che è quello che serve a far funzionare i superrobot a forma di san bernardo con le ruote.

Commenti chiusi