Boatami questo

Un altro ambito ricchissimo di informazioni lacrime-nella-pioggia sui giornali italiani è quello dei “retroscena” politici. Credo che se qualcuno si mettesse pazientemente a verificare quanto di quello che viene scritto in queste inevitabili e fuffose rubriche abbia visto confermata a un anno di distanza una qualche corrispondenza con la realtà, la quota percentuale non supererebbe il 20.
Adesso per esempio mi sono imbattuto nella rubrica di dietrologia e pettegolezzo parlamentare dell’Unità (di cui trovo ulteriormente fessa e infantile la firma pseudonima e la scelta dello pseudonimo “Il Congiurato”) scritta il 15 luglio 2009.

Altre cose: