Word Lens

Da ieri è sullo App Store una applicazione affascinante che fa cose piuttosto spettacolari. Volendo definirla, si può dire che sia uno scanner di immagini riprese dalla fotocamera di iPhone, nelle quali individua il testo e lo registra come tale. Dopo, ci può fare in teoria molte cose: la funzione su cui è applicato è la traduzione (al momento solo tra inglese e spagnolo). Per capire meglio di come possa spiegarlo io, c’è il video qui sotto. Ma intanto vi mostro come l’ho appena provato sulla metropolitana di Milano dopo averlo scaricato, nella funzione base esemplificativa che prende il testo e lo inverte (sbaglia un po’, perché pensa in spagnolo).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

3 commenti su “Word Lens

  1. enrico.delfini

    Se ho capito bene, la “traduzione” avviene in tempo reale.
    Davvero impressionante; fino a pochi anni fa (non si può nemmeno dire “pochi decenni”) le immagini fotografiche erano sinonimo di prova inconfutabile; poi è venuto photoshop e scoprire frodi e alterazioni si è fatto difficile;
    ora mi dici che anche quello che vedo in diretta sullo schermo può essere falso….
    Ci starebbe proprio un qualunquistissimo “dove andremo a finire ?”…

  2. vandario

    in realtà mi è sfuggito il fatto che la traduzione avviene in “realtà aumentata”. Non è proprio la stessa cosa quello che fa goggles, anche se le traduzioni sono molto buone.

Commenti chiusi