La politica estera dei Puffi

Speriamo che il presidente Mubarak continui, come ha sempre fatto, a governare il suo paese con saggezza e con lungimiranza: il mondo considera l’Egitto un punto di riferimento per il processo di pace che non può venire meno.

(Franco Frattini su Facebook, quattro giorni fa; ieri poi era qui)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

3 commenti su “La politica estera dei Puffi

  1. siviez

    Proviamo a sostituire 2 parole:
    Speriamo che il presidente Berlusconi continui, come sempre ha fatto, a governare il suo paese con saggezza e lungimiranza: il mondo considera l’Italia un punto di riferimento per il processo di pace che non puo’ venire meno.
    Vediamo se succede qualcosa…

  2. sergio62

    la realtà , caro Luca, è che l’ Italia , dal punto di vista della politica estera nel bacino del Mediterraneo , è oggi assai irrilevante , scavalcata pure dalla Gran Bretagna . Eppure parliamo dei nostri finitimi ! lontani i tempi in cui i vituperati Craxi ed Andreotti erano i kingmakers dell’area mediorientale….

  3. Pingback: Sono tutti uguali « DemSpeaking -Elia Nigris

Commenti chiusi