Per il Giappone

Qualche anno fa andai in Giappone qualche giorno – l’unica volta nella mia vita – assieme a Cesare Picco, che vi avrebbe tenuto dei concerti. Fu bello. Lui adesso ha inciso una canzone per un progetto legato a quello che è successo una settimana fa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

3 commenti su “Per il Giappone

  1. sderty

    Visto adesso un pezzo nel programma di tua moglie, registrato in quel museo di modernariato impolverato che sarebbe lo studio di Pagani. Lasciamo perdere le buone intenzioni, che non discuto, ma la vergognosa imitazione di un Sakamoto qualsiasi è veramente imbarazzante, particolarmente per un pezzo che sarebbe dedicato al Giappone. Meglio piangere in silenzio, molto meglio.

  2. sderty

    Perché era troppo orrido per non dirlo. A tutto c’è un limite, anche al silenzio.

Commenti chiusi