Le guardie giurate dei commenti

Il Boston Globe ha affidato a una società esterna la moderazione dei commenti sul suo sito. Tra le altre norme generali applicate ci sono le seguenti:

  • “As a rule, we permanently disable comments on all stories about people who have experienced a personal tragedy, as well as all obituaries.”
  • “We also temporarily disable comments overnight for stories about immigration, religion, and religious figures. Commenting on these stories should be enabled at 7 a.m., and the stories should be given extra attention throughout the day so that we can move quickly if the comments degenerate.”
  • “Obscene text and profanities are not allowed. Remove comments that have harsh profanities, but it’s OK to leave those that are less offensive: ‘jerk,’ ‘stupid,’ ‘crap,’ ‘idiot,’ etc.”

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

2 commenti su “Le guardie giurate dei commenti

  1. sergio62

    Dal New England una gran bella lezione di civiltà e di corretto uso della Rete, improntato al fair play.
    Del resto, anche i ns. avi dicevano ” De mortuis ( e qui estenderei il concetto figurativamente a tutti coloro che incorrono in episodi sfortunati o poco edificanti sia a livello economico che politico ) nil nisi bonum “.
    Facile, altrimenti, sparare ( post a salve ) sulla Croce Rossa

Commenti chiusi