Forse

Forse con qualche eccesso a monte, nell’inserimento dei colloqui nei fascicoli dell’inchiesta, e a valle, nella loro pubblicazione.

Giovanni Bianconi sul Corriere della Sera riesce a far seguire a una discreta spiegazione di come circolino le intercettazioni, una timida ma benvenuta ammissione che magistrati e giornali non fanno proprio le cose per bene.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

3 commenti su “Forse

  1. stefano b

    Io sottoscrivo parola per parola l’articolo di Bianconi. Che però sostiene che, in questo momento, mettersi a fare grandi dibattiti sugi abusi dei magistrati e dei giornali nel maneggiare le intercettazioni è un po’ come guardare la pagliuzza e non la trave.

  2. Luca

    Questa vecchia ed efficace metafora deve conoscere qualche limite, e qualcuno che dica, banalmente, che stiamo guardando – come si deve – sia la trave che la pagliuzza. Altrimenti ogni volta la si usa per non guardare mai niente.

  3. johndoe

    @ stefano b: ok, dopo aver chiesto ad un giornalista se i giornali fanno schifo aspetto con trepidazione l’intervista del corriere ad un magistrato, per sapere cosa ne pensa della magistratura. Oste, è buono il vino?

    Io ritengo legittimo che i giornalisti pubblichino tutto, ritengo illegittimo che quella roba esista e non sia stata distrutta come prevede la legge, in quanto irrilevante ai fini delle indagini e/o riguardante addirittura parlamentari. Anche io trovo interessanti alcune di quelle conversazioni, come troverei interessanti le chiacchiere ai margini dei consigli di amministrazione delle banche, o le telefonate tra il quirinale e i suoi interlocutori, giornalisti compresi. Tutto ciò che è interessante è anche legittimo? Pare di sì, e so di essere in minoranza.

Commenti chiusi